Pubblicato in: Cose da mamme

Evviva l’autonomia!

Stamattina mi sono alzata troppo tardi e già mi stava venendo l’ansia…di solito esco con i cani alle 6:30, in modo da tornare alle 7:00, svegliare tutti, preparare le merende ecc.




Alle 6:50 correvo per casa cercando le scarpe, ho svegliato i più grandi ma per loro era troppo presto…insomma sono uscita che tutti dormivano beatamente con le serrande abbassate.

Poveri cani, ho pensato, giusto il tempo di fare la pipì…


Così sono scesa pensando di fare una cosa rapida, ma il loro “amichetto” Black era lì che li aspettava. Il suo padrone è un signore di 75 anni e chiacchiera, chiacchera senza sosta…è piacevole, per carità, ma non ho tempooooo! I cani si rotolano, corrono, giocano, come faccio a portarli via?

Basta, ho deciso, sto per andarmene! Ma arriva mio fratello con i suoi tre cani…e ricominciano il gioco e le chiacchiere!

Oddìo, sono le 7:25, dormiranno ancora tutti e alle 8:00 dobbiamo uscire!!!

ANSIA ANSIA ANSIA

E invece no…trovo queste scene:

wp-1490944594321.jpg

Avevano già fatto tutti colazione, grandi e piccoli (continuo a ripetere ogni giorno che poi devono almeno mettere le tazze nel lavandino, ma per ora lo fa solo il mitico Tommasino, che appena sarà più alto le sciacquerà anche!).

wp-1490944621269.jpg

Veronica stava vestendo Marco e aveva preparato i vestiti a Tommasino, che nel frattempo si era vestito da solo.

wp-1490944508403.jpg

La miss si è messa il grembiule e lo ha messo anche a suo fratello.

SCOPRI LA SELEZIONE ABBIGLIAMENTO SU AMAZON

Giuro che è tutto vero, nessuna posa, solo foto rubate…insomma, non ho dovuto dire una parola, anzi, già che c’ero ho fatto anche colazione!

Alle 7:50 erano già tutti in macchina che mi aspettavano, seduti e legati!

Sì, perchè io dovevo ancora lavarmi i denti e assumere un aspetto perlomeno presentabile.

Sono scesa alle 8:00 e mi hanno rimproverato perchè ero in ritardo, anche se la campanella suona alle 8:10 e la scuola sta a un minuto da casa!

Domani gli do le chiavi della macchina e vanno da soli!

Con tutto questo non voglio affatto dire che i miei figli sono bravi, non è sempre così, magari lo fosse.

Sono le circostanze che spesso li hanno costretti ad imparare.




Due anni fa io allattavo Marco e capitava spesso che alle 21:00 ancora Stefano non rientrava dal lavoro: era ora di andare a dormire, così loro si mettevano il pigiama, lavavano i denti e mi aspettavano a letto. Non potevano fare altrimenti, nessuno poteva aiutarli.

Abituarli all’autonomia mi ha aiutato tantissimo e sono convinta che aiuterà molto anche loro: si sentiranno più sicuri in ogni situazione, perchè sanno che possono cavarsela da soli.

Ho visto “bambini” di 12 anni nello spogliatoio della piscina farsi vestire dalla nonna, o di tre anni imboccati come neonati perchè non si sporcassero, o ancora di 2 anni legati e imbracati nel passeggino al parco perchè non corressero. A cosa serve? Solo a noi, per non faticare troppo, per non pulire, per non corrergli dietro, per non prestare troppa attenzione.

Io per esempio non ho mai nascosto i detersivi. Sono dove devono stare, in basso sotto al lavandino. Quando hanno iniziato a gattonare gli ho spiegato, con parole adatte e mimando un forte dolore, che era estremamente pericoloso avvicinarsi a quei flaconi. Li ho controllati sempre, ma nessuno di loro ha  mai mostrato curiosità verso quelle bottiglie colorate. Sono stata fortunata? O avevano capito?

Non lo saprò mai, ma sono fermamente convinta che noi dobbiamo relazionarci con loro come se fossero degli esseri pensanti e in grado di capire. Diamogli fiducia e osserviamoli mentre crescono, intervenendo solo quando serve.

A volte penso che così se ne andranno via prima…ma noi questo dobbiamo fare: dargli due ali grandi e forti per volare da soli.

Visualizza le offerte a tempo limitato di Amazon



Letture consigliate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *