Pubblicato in: In viaggio

In partenza con i bambini (ehm…volevo dire il marito). Parte II: le comiche.

 

La partenza si avvicina e a me stanno già venendo diverse crisi di riso isterico solo al pensiero.

Saremo 2 adulti, 2 diciottenni, 5 bambini e due cani…e già detto questo mi verrebbe voglia di scappare su un’isola deserta!





Sarà l’ennesima partenza fantozziana: macchina stracolma (ci manca il portapacchi sopra) e destinazione improbabile…gli ingredienti ci sono tutti! Mancano canotta e rutto libero (che non mancherà con 7 maschi!) e la vacanza è servita!

Dopo la lurida casa del prete di 4 anni fa (ah, ma era un’occasione imperdibile! Ci credo: i capelli del prete erano inclusi nel prezzo!!!) con mare bellissimo a 40 metri (almeno quello!), c’è stata la notte (1 sola) in campeggio con trasloco annesso: tenda di 30 mq senza istruzioni di montaggio, materassini, CUSCINI, lenzuola, sacchi a pelo, attrezzatura da mare PER TUTTI e per finire un bambino di 9 mesi…il tutto senza frigorifero! Da spararsi…ma con un marito diciottenne “inside” ci si mantiene giovani!

A volte mi viene un dubbio: sono io troppo pesante e rompiballe o è lui che è fuori di testa? Visto che faccio sempre un po’ di autocritica, propendo sempre per la prima opzione, preparandomi a vivere queste fantastiche iniziative con lo spirito di un’ottantenne in discoteca!

Potendo partire solo le settimane centrali di agosto e in attesa che i diciottenni veri decidano di andarsi a fare che so…una vacanza in tenda, un interrail o una vacanza studio in Australia (invece di seguirci anche in estate…sarà che siamo irresistibilmente simpatici?!?!), essendo in nove, decidiamo ogni anno di affittare un appartamento.

Questo non mi dispiace affatto ma…ci sono tanti MA:




1. La destinazione

Non so come mai, ma quando troviamo appartamenti enormi a un prezzo basso in agosto, c’è sempre qualcosa sotto! Quest’anno poi la destinazione è tutto un programma: AVETRANA! Va bene che vicino si trovano paradisi come Punta Prosciutto e Porto Cesareo, ma sono distanti almeno 7 km.

Pare che il luogo del delitto fosse l’unica possibilità, dopo che la signora presso la quale avevamo prenotato mesi fa ci ha “sfrattato”, causa rottura dei tubi dell’acqua in casa (che c×××!). Ci consoliamo pensando che i nostri cugini quest’anno andranno a Cogne (non è una battuta, giuro!!!).




2. Le scorte di cibo

Una delle maggiori ansie di Stefano è quella di rimanere senza cibo o di non riuscire a sfamare l’intera comunità! Sono settimane che mi torna a casa con tutti volantini delle offerte che trova, proponendomi di andare a comprare confezioni di tonno da 1 kg. nel tale posto, 15 kg. di pasta in un altro (non era per dire, proprio 15! 1 kg. al giorno per 15 gg.!), POMODORI PER LE CONSERVE in un altro, affettati (da ordinare sottovuoto il giorno prima) in un altro ancora e così via. Ho deciso di assecondarlo (a parole), tentando di fargli capire che non andremo in mezzo al deserto e che uno straccio di discount lo troveremo da qualche parte!

Anche se ieri una cassetta di pomodori da 8 kg. l’ho comprata…non potevo dargli contro in tutto! E ora mi tocca pure preparare i sughi, mi viene da piangere! (Ah, ma lui li passa però!)

3. L’attrezzatura da mare

Ci ha già avvisato: portate lo stretto indispensabile! Eh già, perché lui, volantino alla mano, è già andato ad acquistare lettini, ombrellone di 3 mt. di diametro (non si sa mai!), borracce varie, ciambelle, materassini (sì sì, dico al plurale, non sto sbagliando!), cuscini da collo per il viaggio, palette secchielli, maschere e chi più ne ha più ne metta!

Parte degli acquisti di papi

E non è finita! Dobbiamo ancora recuperare pinne, boccagli e canne da pesca…per tutti ovviamente! Stamattina mi ha detto: “ma vogliamo portare anche la canoa di tuo fratello?”. Ahahahahah!!! Che goduria! Chissà se in valigia entreranno almeno un costume e un paio di ciabatte per uno! Che stupida, risparmiamo spazio, quelle si possono mettere direttamente ai piedi!

Ogni tanto oso chiedere: “ma sei sicuro che tutta questa roba c’entri?”. Ma la risposta è sempre la stessa “E CHE CI VUOLE?”

Beh ragazzi che vi devo dire…io intanto, visto che ho 24 anni, parto con i diciottenni e auguro a tutti BUONE VACANZE!!!



Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *