Pubblicato in: In viaggio

La grande idea del viaggio di notte


Sembrava proprio un’ideona partire alle 9 di sera, così i bambini si sarebbero addormentati e avremmo fatto un viaggio tranquillo…senza richieste di cibo, acqua, pipì.

Infatti appena partiti sono crollati tutti! Sarà stato l’effetto di una lunga giornata di mare, di sole e di nuotate.

Continua a leggere “La grande idea del viaggio di notte”

Pubblicato in: Gioventù

Deliri di una madre con un figlio in prima media



Booking.com

Due fratelli confabulano in bagno, il più piccolo ti chiama: “mamma mamma, corri, guarda!”

Non vedi…prendi la torcia, ti avvicini e lo vedi: un pelo!!!

Dalla comparsa di quel disgraziatissimo pelo inizia uno di quei periodi in cui spediresti tuo figlio su un’isola deserta.

E non tanto perché ti risponde male (ci prova), ma perché ti rendi conto che tutto l’ambiente che lo circonda rema contro di te e i tuoi principi, quelli che hai cercato di insegnargli fin da piccolissimo; e più cerchi di allontanarlo più lui ne viene attratto.

Ti senti come contromano in autostrada: correttezza ed educazione non vanno più di moda.

Continua a leggere “Deliri di una madre con un figlio in prima media”

Pubblicato in: In viaggio

Matera e i tesori della Puglia: quattro giorni con i bambini -review- 2° parte: Matera e i suoi “Sassi”



Booking.com

2° giorno: Matera

distanza Noicàttaro - Matera
Noicàttaro – Matera

Noicattàro dista da Matera appena una sessantina di km., di conseguenza ci muoviamo con tutta calma per arrivare a metà mattinata. Ovviamente i bambini alla prima sosta per ammirare il panorama suggestivo, ne approfittano subito per mangiare! Dopo averli sfamati, riusciamo ad addentare un panino al volo anche noi e iniziamo la nostra passeggiata.

Matera
Matera

Continua a leggere “Matera e i tesori della Puglia: quattro giorni con i bambini -review- 2° parte: Matera e i suoi “Sassi””

Pubblicato in: Informazioni

Ragazzi: il blog ha compiuto un anno…!

A casa di Raffy vita e avventure di una famiglia numerosa
A casa di Raffy vita e avventure di una famiglia numerosa

Ragazzi: il blog ha compiuto un anno…!

È stata dura e molto impegnativa, ma alla fine ce l’abbiamo fatta! Abbiamo raggiunto il traguardo di 6000 visualizzazioni… Partendo dal nulla e senza la benché minima conoscenza di questo mondo ci siamo informati, abbiamo studiato, e alla fine siamo riusciti a fare un blog familiare dedicato agli amici e conoscenti , ai lettori vecchi e nuovi.

Blog Stats acasadiraffy.it
Blog Stats acasadiraffy.it

Siamo una famiglia molto numerosa e caotica : Marco, Tommaso, Veronica, Simone, Alessandro e Michele riempiono le nostre giornate in maniera intensa, a volte divertente a volte meno. Le nostre avventure quotidiane , le nostre passioni per i viaggi, la cucina genuina e la nostra famiglia sono argomenti di questo nostro blog.



Booking.com

A casa di Raffy vita e avventure di una famiglia numerosa
A casa di Raffy vita e avventure di una famiglia numerosa
A casa di Raffy vita e avventure di una famiglia numerosa
A casa di Raffy vita e avventure di una famiglia numerosa

Senza dimenticare Eva e Balù , due adorabili e quanto mai “delinquenti” cagnolini che a volte fanno più danni di tutti ! 🙂

A casa di Raffy vita e avventure di una famiglia numerosa
A casa di Raffy vita e avventure di una famiglia numerosa

I vostri commenti, i vostri like, le vostre condivisioni ci fanno molto piacere, facendoci sentire un po’ più vicini a tutti i nostri amici… e lettori .

Grazie per questo primo anno passato insieme!

Se vi piace leggere il nostro blog e volete aiutarci a crescere fate i vostri acquisti su Amazon e su Booking accedendovi dal nostro sito,  riceveremo una piccolissima percentuale senza che voi spendiate un centesimo in più rispetto all’acquisto fatto!

Condividete se vi va! Grazie, grazie, grazie!

Stefano


Pubblicato in: Gioventù

Ragazzi di oggi

“…non farti prendere, da questo eterno attendere…”, cantava Luis Miguel nel 1985…io avevo 12 anni.

E in effetti i ragazzi della scorsa generazione non aspettavano, ci provavano con tutte senza pensarci troppo: belle, brutte, magre, in carne…

La scusa più gettonata era quella di chiedere l’ora: si avvicinavano sempre in coppia a meno che non fossimo da sole, e puntualmente chiedevano: “Scusate, sapete per caso che ore sono?” …quasi sempre con l’orologio al polso!

Continua a leggere “Ragazzi di oggi”